Warning: mysqli_real_escape_string() expects parameter 2 to be string, object given in /home/mhd-01/www.mausset.it/htdocs/wp-includes/wp-db.php on line 1102
Val Pellice | Mausset
Warning: mysqli_real_escape_string() expects parameter 2 to be string, object given in /home/mhd-01/www.mausset.it/htdocs/wp-includes/wp-db.php on line 1102

Warning: mysqli_real_escape_string() expects parameter 2 to be string, object given in /home/mhd-01/www.mausset.it/htdocs/wp-includes/wp-db.php on line 1102

Come trovarci

Come arrivare a Borgata Maussa – Villar Pellice – Torino

Come arrivare a Valle Pellice - Agriturismo Mausset

Autostrada Torino-Pinerolo, arrivati a Pinerolo prendere per la Val Pellice. Superare i comuni di S. Secondo di Pinerolo, Bricherasio, Bibiana, Luserna S. Giovanni, Torre Pellice. Arrivando a Villar Pellice si passa davanti al Municipio e si prosegue diritto passando dietro al Tempio Valdese imboccando Via Indritto. Si prosegue per circa 3 km tenendo sempre la sinistra sull’asfalto e seguendo l’indicazione “Maussa”. Oltrepassato un guado si arriva alla Borgata Palet da dove si diparte una strada carrabile non asfaltata segnalata con un cartello di legno “Formaggi di Capra”. La strada è in discesa, sempre sulla sinistra a 100 metri siete arrivati.

Guarda la cartina di Google Maps per raggiungere l’agriturismo Mausset a Villar Pellice (Torino)

Ci fa piacere se avvisate telefonicamente il Vostro arrivo al numero 3491840785, risponderà Roberta.

Dove siamo

Agriturismo a Villar Pellice – Valle Pellice – Torino

Leggi le indicazioni stradali per raggiungere Borgata Maussa a Villar Pellice – Torino
View Larger Map

La nostra storia

Orto, Frutteto, Pane Fatto in Casa, Conserve e Squisiti Formaggi

Verso gli anni 60 la frazione viene definitivamente abbandonata restando disabitata per una quindicina d’anni quando poi Gianfranco decise di allevare api in montagna, dove abitavano i suoi nonni. All’inizio degli anni 80 conobbe Roberta con la quale, in seguito, formò la sua famiglia. Nacquero tre bambini ed assieme si dedicarono all’allevamento di api, animali da cortile e capre, oltre a coltivare orti e piccoli frutteti con metodi tradizionali senza l’uso di prodotti chimici. Vendendo i loro prodotti poterono, poco alla volta, acquistare l’intera frazione con il desiderio di far rinascere questo posto. Impararono a fare il pane, ripristinando il vecchio forno, a conservare frutti selvatici e ortaggi di loro produzione, a fare formaggi con il latte delle proprie capre. Ora Gianfranco non c’è più, prematuramente scomparso. Ci siamo noi: Roberta, Ben, Nadine con Diana ed Elena e ogni tanto Sole.